ELOGIO DEL SENSO COMUNE.

Siamo disperati,senza presente e senza futuro.
In questo Paese diviso ed ingiusto,una cosa unisce la maggior parte dei cittadini,la disperazione.
Sono disperati i giovani senza lavoro,gli adulti licenziati,gli anziani esodati ed i pensionati rapinati.
Ma sono disperati anche gli occupati,quelli che uno straccio di stipendio riescono a strapparlo,disperati anche loro perchè consapevoli che questa miserevole "pacchia" sta per finire.
Di chi la responsabilità ?
Delle impiegate della Regione Umbria ?
Dei funzionari delle sedi Equitalia ?
Dei piccoli imprenditori costretti a fallire o,nel migliore dei casi,a chiudere le loro aziende ?
Dei carabinieri e dei poliziotti in servizio A Piazza Colonna ?
No.
La responsabilità è dei grillini ,del M5S,di Grillo,Casaleggio,Crimi e Lombardi.
La "disperazione" di un Paese saccheggiato,di un popolo derubato,di una vita violentata,non va denunziata,cavalcata o,peggio,aizzata.
La "disperazione" va assopita,nascosta,coperta,negata o,tutt'alpiù indirizzata.
Sei fuori di testa perchè all'improvviso perdi il lavoro,perchè ti cacciano da casa,perchè anche tua moglie ti abbandona e perchè i figli si vergognano di te?
Vai alla Caritas,magari in qualche talk-show a lamentarti ed ad imprecare,ma non rompere i coglioni.
Non rompere i coglioni a chi ti ha rovinato,a chi gira in macchine con i vetri oscurati,a chi decide per il tuo futuro dopo averti rubato il passato e distrutto il presente.
Non rompere i coglioni,morto di fame.
E se non ti bastano le opportunità che ti da un Ballarò,una Barbara D'urso,un Formigli od un piatto di minestra della Caritas,prendi la mira e cambia bersaglio.
Sparati,impiccati,datti fuoco,ma non rompere i coglioni.
Avrai anche un articoletto in cronaca nera,due o tre interviste ai tuoi familiari e,se ti dice proprio culo,anche un contributo per pagare il tuo funerale.
Disperati?
Anche la disperazione può essere bella.
Gasparri vaffanculo...