SERGIO SCARPELLINI DETTO "ER CAVALLARO".

Storia edificante e tutta italiana,la storia di tale Sergio Scarpellini,detto "er cavallaro".
Trattasi di un noto gentleman romano e romanesco che ha smentito tutte le teorie dell'antropologo Cesare Lombroso sulle dirette attinenze tra il volto e la criminalità di un soggetto.
Basta guardarlo,"er cavallaro",per capire che Lombroso ne ha scritte di cazzate.
E'brutto,è vero,ma è un ometto tenero,delicato,educatissimo e socievole.Tanto socievole da socializzare con tutti,destri,sinistri e centri,aristocratici papalini,borghesi e proletari.
Ma la sua maggiore socializzazione l'ha avuta con quell'altro gentleman della politica e della giustizia che è l'altrettanto noto democratico/berlusconiano Violante,Luciano Violante,quello del "noi le abbiamo salvato le aziende e lei lo sa bene...".
Anni addietro con un gioco di affitti,pre-affitti,mutui ed acquisizioni,"er cavallaro" riuscì a comperare ed ad affittare alla Camera dei Deputati,alcuni stabili nel centro di Roma.
Pare,ma non è certo,che il nostro,col beneplacito del Violante,si fece finanziare l'acquisto degli immobili,portando in Banca il preliminare di affitto futuro come garanzia.
Riuscì persino a vedersi ringraziare dai successivi presidenti della Camera,giù giù fino al miliardario rosso snob Bertinotti ed all'apallato Fini.
Oggi,la pacchia è finita:"er cavallaro" si è visto disdettare gli affitti milionari,non per un rigurgito di decenza,ma solo per mancanza di sghei.
Con la sua solita bonomia,con la consueta tenerezza e con la sua consolidata educatissima cultura,Sergio Scarpellini avrebbe reagito con un sonoro e sincero "e sti cazzi" e con il licenziamento in tronco di oltre trecento dipendenti,oltretutto in linea con la politica dei tecnici al governo e con le direttive della BCE.
Viva la casta,viva i deputati ed i senatori,viva i tecnici al governo e viva "er cavallaro" che è riuscito a dimostrare che il Lombroso era,per i suoi tempi,anche lui un emerito,assoluto,immarcescibile cazzaro...
Lui,eh !