BUON ANNO UN CAZZO...

Finisce questo 2011,vissuto male,ma finisce con una buona notizia dell'ultimissima ora.
Il novello Cristo,intimo del Nano e del Nicki,"incrociato" dai debiti,dalle fatture false,dai bilanci taroccati,dai buchi faraonici e dalle ville brasileire,è stato tanato da nostra sorella Morte e,finalmente,dovrà rendere conto a Qualcuno,di quanto poco di buono ha combinato nella vita.
Finisce,quindi,questo 2011 ed incomincia il 2012.
Comincerà con le dichiarazioni di cordoglio,totalitarie e bipartisan,per la scomparsa del don Verzè,benefattore di gente di merda ed amico di altrettanta gente di merda,politici,malfattori,ruffiani e sinistri libertari.
Comincerà anche con gli auguri,anch'essi totalitari e bipartisan,che ci faranno quegli stessi uomini di merda,amici,protettori e garanti di altrettanta gente di merda che,tranquillamente,dopo gli auguri,si apprestano a vivere allegramente,il loro felice nuovo anno.
Io non li faccio,gli auguri.
Non trovo gli stimoli,le motivazioni,i destinatari e le speranze per degli auguri sinceri.
A chi potrei farli?
Agli abitanti di Termine Imerese,a quelli di Cassino,alle operaie della Omsa,ai dipendenti di Fincantieri,ai sudditi del capataz Moretti,ai pensionati rapinati,ai licenziati dal cavallaro Scarpellini,agli ammalati poveri,ai No Tav,agli oppositori di Vicenza,ai milioni di senza lavoro,senza presente e senza futuro?
Ma fammi il piacere,buon anno del cazzo.
Vaffanculo tu,in anticipo,tu e tutti quelli che ce li faranno,gli auguri,dal più modesto,alla Capezzone,al più prestigioso,alla Veltroni,dal meno rappresentativo al massimo rappresentante.
Andate affanculo tutti insieme,indecentemente e meritatamente.
Ti riconosco solo una chance,2012 che stai per arrivare,una chance ed un merito.
Ti riconosco il merito di non essere responsabile del 150° anniversario dell'Unità d'Italia,ne sei e ne siamo,finalmente venuti fuori,e ti riconosco la chance di avere la possibilità di portarci una grossa,grossissima,epocale novità.
Hai visto mai che nei dodici mesi di tua competenza,gli Italiani si sveglino,si incazzino,si uniscano e si tolgano dalle palle tutti quei lacci,lacciuoli e catene con i quali sono stati avviluppati da quegli stessi uomini di merda che piangeranno per don Verzè e che ci faranno tanti,tantissimi e sincerissimi auguri?
Se vogliamo far sparire qualcuno di questi tipi,non possiamo affidarci solo e soltanto al nostro proverbiale Stellone o,per chi ci crede,alla Provvidenza.
Stellone e Provvidenza,se pure infiniti,questa mattina alle 7,30,un aiutino ce lo hanno dato,ma mica possiamo chiedere un miracolo al giorno.
E poi,con uno al giorno,quanti ce ne togliamo di torno?
Pochi,troppo pochi...