VIVA IL DEFAULT.

I cialtroni nazionali e d'esportazione hanno portato il debito pubblico a 1.900 miliardi di euro.
Di questi miliardi di euro l'87% è in mano di investitori internazionali ed il 13% è in possesso di famiglie italiane.
In cifre: 1653 miliardi sono dei vari finanzieri di solito israeliti,delle cosidette Banche d'affari di solito israelite,delle cosidette Agenzie di rating di solito israelite e dei cosidetti Fondi sovrani di solito non israeliti.
Solo 247 miliardi sono delle famiglie italiane di solito non israelite.
Soluzione:restituiamo alle famiglie italiane,di solito non israelite,i 247 miliardi di euro,dichiariamo fallimento ed il gioco è fatto.
Dimenticavo:contemporaneamente prendiamo a calci nei coglioni tutti i deputati,i senatori,i ministri,i sottosegretari,i dirigenti statali,parastatali,parenti ed affini e tutta quella pletora di figli di mignotta,quasi tutti non israeliti che,rubando da sessanta anni hanno determinato il debito pubblico che poi hanno voluto addossare a noi poveri disgraziati.
Andiamo,testarelle di cazzo,cantiamo le lodi del fallimento ed indossiamo scarponi da montagna...