IL RUGGITO DEL BERSANI.

Si è svegliato,si è lavato,si è specchiato e,come dicevano per Rotondi,si è meravigliato di esistere.
Poi si è ripreso,si è vestito da segretario ed è andato in teatro per convincere i suoi ed inchiodare il "Tinto".
I suoi erano già convinti,il "Tinto" si era già inchiodato da solo ed il nostro poveretto si è trovato con il cerino in mano. Socc mel,ha pensato,ed ora cosa faccio? Preparo la campagna estiva,avanzo con le mie truppe camellate,dichiaro guerra totale? D'Alema copasirava,Veltroni annaspava e la Bindi dormiva. Tra i suoi feld marescialli solo la Finocchiaro era sveglia ed attenta a non ridere e a non rovinarsi le pieghe del vestitino griffato.
Povero Bersani,quanta tenerezza,quanta simpatia e quanta pena.
Non è riuscito neppure a vincere la battaglia contro i tassinari romani,ha ripiegato sotto l'offensiva della lobby del PRA,non è riuscito neppure a parlare a San Remo dove un rampollo regale ha deliziosamente ragliato e sbaragliato il campo e lui,cattolico socialista e d'alemiano,favorevole al nucleare,favorevole alla privatizzazione dell'acqua,favorevole al piano Marchionne,favorevole ai panzerotti ed allo gnocco fritto,si è messo in testa di guidare la rivolta anti "Tinto"?
Suvvia,non scherziamo.
'Tonto,tu 'ntaritinti il tetto',tu puoi solo assistere e restare vigile. Resta vigile ed immobile,Pierluigi,anzi fai come il tuo compare ed epigono,fai come Del Turco. Chiama al telefono qualche ganza e sfogati. Ci proverai gusto e farai un piacere a noi. Meglio se ti impegni nel sesso telefonico che continuare ad inculare quegli italiani che hanno le palle piene e le tasche vuote.
Se la telefonata è succosa,vedrai che anche a te si alza...(il sondaggio).