CUPIDO LADRO D'AMORE.

L'amore è un profondo sentimento.
Per amore si possono commettere le peggiori infamità:si può fare la spia,si può perseguitare l'amato irriconoscente,si possono rovinare rapporti e si possono commettere omicidi.
Tutto questo può essere l'amore.
Ma l'amore ti può,persino,far rubare. Rubare un attimo di vita,un sentimento,un affetto,un rapporto.
Cupido,dopo aver lanciato la freccia amorosa,quando la ritira ti può aver rubato il cuore.
Così accade nel Partito dell'Amore che,per troppo amore,è diventato il Partito dei Ladroni,ladroni innamorati ma sempre ladroni.
Per amore Scajola ha comprato un ammezzato sotto costo;per amore Verdini ha sotto controllo una banca;per amore Ciarrapico è diventato nulla tenente e,sempre per amore Matteoli ama il grasso (e non solo in cucina),Gasparri chiede informazioni su vari indirizzi,La Russa si pavoneggia sopra un suv e Storacetto naviga su cazzi informatici non suoi.
Tutto questo per amore di un altro amorevole personaggio,il creatore del PdL,l'amatore per eccellenza,il "Tinto" che ostenta riti religiosi davanti a decine di sue telecamere.
Oh,azzurro fiore,simbolo d'amore.
Di fronte a tutte queste servili smancerie,anch'io mi sono voluto omologare e sono diventato un patito dell'amore.
Amo sinceramente,profondamente ed intimamente,un altro sentimento:l'odio...