LA "TRANVATA" DI SANTA LUCIA.

Borghese,42 anni,disagiato psichico.
Questo è l'uomo che ha colpito il sacro volto di 'tinto'bass' appena uscito da un bagno di folla intirizzita dal freddo meneghino.
Ho provato pena e tenerezza nel vedere la scena trasmessa in TV e replicata dal canale di emilio fido.
Pena e tenerezza per lo sguardo terrorizzato del'tinto' e per il dolore che sicuramente ha sopportato.
Pena,tenerezza ed un ricordo,anche se sbiadito dal tempo.
Anni addietro,in una manifestazione alla Sapienza,fui colpito da un poliziotto con una manganellata in bocca.Stesso dolore,stesso stupore e stesso sangue. Solo più rabbia e più reazione.Il poliziotto,credo,non mi ha mai perdonato.
Unica differenza un manganello per me ed un duomino per il 'tinto'.
Ma nel caso milanese ci sono di mezzo i santi,rappresentati dal luogo dell'aggressione e dal giorno.Il 13 dicembre è il giorno di Santa Lucia,protettrice della vista.E,malgrado gli inviti del Colle,anche su questo caso gli italiani si sono divisi.C'è chi ringrazia Santa Lucia per aver guidato la mira del tiratore e chi la ringrazia per aver miracolato il bersaglietto.
Io sto nel mezzo,senza ipocrisie e senza prendere partito.
Diciamo che sono indifferente ed in più sono un affezionatissimo cultore di Santa Rita,quella dell'impossibile.Le preghiere che le rivolgo da anni non me le ha mai esaudite...