PETROLIERI LADRI E ROBIN TAX.

Vagamente ed in maniera molto soft gli organi di stampa,campioni di disinformazione come le emittenti radio televisive,riportano la notizia di lamentele delle associazioni dei consumatori sui prezzi dei carburanti.
All'insediamento del governo ci fu,ricorderete,la "promessa" di una tassa sui profitti dei petrolieri.Come tante altre cazzate pre e post elettorali,la promessa non fu mantenuta.Il rincaro dei prezzi dei carburanti,invece si. La "robin tax" ci fu presentata come una giusta imposizione ai sopraelevati costi dei prodotti petroliferi in linea con i prezzi del petrolio.
Cercando di andare oltre le chiacchiere inconcludenti,anche delle associazioni dei consumatori,ho voluto controllare la situazione ed il rapporto tra prezzi del petrolio e costi dei carburanti.
Per me è stato facile.Attraverso le "schede carburanti" che si riferiscono ai veicoli della mia azienda,ho potuto raffrontare le varie cifre e trarre le conclusioni.
Le cifre.
La mia azienda si rifornisce di carburanti avvalendosi dei distributori di un "petroliere" locale,un dettagliante che acquista e rivende prodotti petroliferi già raffinati.Non credo di ledere la sfera privata del nostro fornitore se dico il suo nome.Si chiama Cancellieri ed ha una piccola rete nella mia provincia.
Allora,Cancellieri,nel luglio 2008 vendeva il gasolio al costo di 1,44 euro al litro.
A luglio 2008 il petrolio costava tra i 142 ed i 147 dollari al barile.
Oggi,gennaio 2009,il gasolio di Cancellieri lo paghiamo 0,999 euro al litro ed il petrolio costa 42/45 dollari al litro.
Per non infierire sui poveri petrolieri,non parlo del rapporto euro/dollaro.
Ma solo facendo la proporzione tra le due situazioni,quella di luglio e quella di adesso,balza agli occhi la incongruenza.Il prezzo del petrolio si è abbassato del 70/75 % ed il costo del gasolio del 30/35 %.Oggi dovrebbe costare,secondo logica,secondo decenza ed anche secondo le dinamiche del mercato,figlio del liberismo,appena 0,405/0,410 euro al litro.
Piove e fa freddo,petrolieri ladri e governo complice.
Ma i petrolieri rubano,il governo è complice ed i prezzi aumentano non solo perchè noi siamo succubi e "scetati",perchè le lobbye's si sono sostituite ai politici,perchè i politici viaggiano in auto blu e non pagano la benzina.
I petrolieri rubano,il governo è complice ed i prezzi aumentano perchè questo è il sistema.Il sistema liberista,liberale,capitalista ed antifascista.
Come i fratelli Lehmann,il ducetto,il nasone,Gianfranchino e tutti gli altri.
Gasparri,no,lui è di un'altra parrocchia.Lui è di una fabbrica di armi israeliana.O no?
Le conclusioni.
Affanculo i liberisti,i liberali,i capitalisti e gli antifascisti.
Compreso Gasparri e compreso quel testa di cazzo di Robin Hood.