LA CONCITATA REAZIONE PRO CONCITA DE GREGORIO.

Non conosco Concita De Gregorio,giornalista super pagata con soldi nostri.
Conosco,poco,Forza Nuova,gruppo integralista cattolico di estrema destra.
Conosco L'Unità,giornale super foraggiato con soldi nostri.
Fanno parte di un mondo che non è il mio.
Ne scrivo solo percè costretto dalle notizie di cronaca,solo per quella frase tracciata sul muro di casa De Gregori,frase che ha scatenato le reazioni unanimi di tutto il ceto politico e non solo.
Dunque,la casta,si è dichiarata sdegnata per quella frase,tutti,da Casini alla Lega,da Forza Italia a Rifondazione,dagli analini ai dipietristi,hanno espresso solidarietà alla Concita e condanna a Forza Nuova.
Io,no.Non mi sono sdegnato e non esprimo solidarietà a nessuno.
Che tipo di minaccia,che razza di attentato alla libertà di informazione,che cazzo di intimidazione conteneva quella frase scritta sul muro di casa De Gregori?
"De Gregori,basta con odio e falsità".Questa la pericolosissima frase.
Ma il pericolo dov'è? La minaccia dov'è? L'intimidazione dov'è?
Ridicoli,tutti,ridicoli e solidali.
A meno che l'attacco alla libertà di informazione sia stato giudicato tale per i caratteri (runici?) della frase o,forse,per il colore dell'inchiostro.
Inchiostro nero,come la pece.
Di Forza Nuova,della Concita,della casta,non mi frega un cazzo.
Della decenza,si.
Nella situazione nostrana,ci si indigna per un invito a non odiare e si passa sotto silenzio la tragedia del lavoro,delle morti da lavoro,delle vite senza lavoro.
Ridicoli,tutti,ridicoli e solidali.
Ridicoli,solidali e figli di puttana.
Affanculo tutti,i ridicoli,i solidali ed i figli di puttana.