LA "CAI" , L'ALITALIA E GLI ITALIANI.

Attingendo quà e là,si riesce,a fatica,a farsi un quadro della situazione dell'Alitalia.
Oggi ho scoperto,viaggiando in internet,che la Compagnia Avvoltoi Italiana,composta,come si sa da amici bipartisan,della destra e della sinistra,pagherà per l'acquisto della parte "buona" dell'Alitalia,275 milioni di euro.Poverini,gli avvoltoi.Stanno molto peggio dei loro omonomi africani e perfino dei condor sud americani.Loro devono pagare un prezzo,per comprarsi da 'mangiare',mentre quelli africani e quelli sud americani,lo fanno gratis,basta volare...
Ecco,allora,l'aiuto del governo,con accordi,concessioni e patti scellerati.
A fronte dei 275 milioni di euro da sborsare,i nostri avvoltoi,volatori incerti ma rapaci voraci,avranno indietro oltre 200 milioni di euro di sgravi fiscali,che otterranno assumendo personale in cassa integrazione.
"Non toglieremo un soldo dalle tasche degli italiani",aveva giurato e spergiurato il ducetto brianzolo. E come il pifferaio magico,si è portato dietro il 40 più il 40 per cento degli italiani gonzi e creduloni.
Ora,i gonzi,giungeranno nudi alla meta,metteranno le mani in tasca e non troveranno nemmeno un euro,di quelli "non tolti" e neppure un fazzoletto per piangerci su.
Unica speranza,l'esempio che viene dai piloti,dagli assistenti di volo e dai lavoratori di terra di questa cazzo di compagnia di bandiera. Non vogliono subire l'inferno che è stato loro preparato e vogliono solo difendere la democrazia,la libertà ed il diritto al lavoro. Vogliono battersi contro la diabolica alleanza tra i potentati bipartisan ed i sindacalisti triplici e quadrupli.
Ma vogliono pure obbligare gli avvoltoi della CAI,a cambiare bandiera:non più quella tricolore,ma quella nera con un teschio al centro.
La bandiera dei filibustieri.