CORTE COSTITUZIONALE.

La suprema Corte vigila sulla nostra Costituzione.Vigila sulla sua attuazione e sulla conformità delle leggi al dettato costituzionale.Vigila e deve vigilare,anche sul famosissimo articolo che determina la "repubblica fondata sul lavoro".
E visto l'andamento del lavoro di questi tempi,anche la Corte si adegua.
Dal giudice Vaccarella,arrivato al capolinea per motivi di età,si è cercato di sostituirlo con il candidato Pecorella.Non consono il Pecorella,i costituzionalisti di entrambi gli schieramenti,sono alla affannosa ricerca di un altro candidato,più rispondente al periodo di vacche magre che stà vivendo il mondo del lavoro.La ricerca non è facile.Non è facile trovare un candidato che,nel filone della crisi economica,possa rispondere con il suo nome in linea col l'ex Vaccarella e con il mancato Pecorella,alle necessità,anche mediatiche,della Repubblica.Ma qualcuno si è fatto avanti,nutrendo recondite speranze : da Carmelo Porcu ad Antonio Giuseppe Maria Verro,da Elias Vacca a Mauro Del Bue,da Giovanni Fava al più ottimista Manlio Contento.Che dovesse essere proprio il Contento il prossimo giudice costituzionale?
Certo è che i nostri legislatori sono capaci di tutto e disposti a tutto pur di dimostrare la loro sagacia bipartisan...E,poi,contento di che ???