BERLUSCONI RIFORMATORE.

Per un uomo d'onore ogni promessa è un debito.
Per una persona dabbene i debiti si pagano.Specie quelli contratti in campagna elettorale.
Berlusconi è un uomo d'onore ed una persona dabbene,lo dimostrano i processi che non si sono svolti per prescrizioni,per indulti e per cancellazioni di reati in corso d'opera.
Berlusconi paga i debiti,specie quelli contratti in campagna elettorale.
Ha risolto il problema della mondezza in Campania,non sappiamo come,ma lo ha risolto,innalzando Bassolino al ruolo di grande governatore regionale.
Ha risolto il contenzioso con Gheddafi,non sappiamo come,ma lo ha risolto,innalzando il colonnello al ruolo di grande governatore internazionale.
Ha risolto il problema dell'Alitalia,non sappiamo come,ma lo ha risolto,innalzando una dozzina e mezza di (im)prenditori indebitati al ruolo di salvatori della patria compagnia di bandiera.
Ha risolto la piaga dell'assenteismo nella funzione pubblica,innalzando,non sappiamo come,il socialista Brunetta al ruolo di cacciatore di fannulloni.
Ha risolto il problema della soffocante imposizione fiscale non aumentando,nè riducendo,di un centesimo le tasse nazionali ma autorizzando gli enti locali ad aumentare le loro.
Ha risolto le carenze in attacco del suo Milan,non sappiamo come,convincendo l'israelita Abramovich a cedergli Ronaldino.
Ha risolto i rapporti con la minoranza e sappiamo come:pretendendo che Veltroni continui ad essere il capo della finta opposizione.
Ha risolto i problemi della TAV e del Dal Molin e sappiamo come:manganellate agli oppositori,democraticamente e senza distinzioni.
Ha risolto perfino i suoi problemi di svago personale,circondandosi di collaboratrici belle,fedeli,brave,compiacenti,disponibili,ed immaginiamo come.
Non ha risolto totalmente il problema della sua altezza,parzialmente il problema della sua calvizie e definitivamente il problema della sua immortalità.Ma ci sta pensando,lavorandoci in tutti quei sabato che non sono più gravati dalle riunioni con i suoi avvocati.
E' questo che mi affascina di Berlusconi.Il fatto di pagare i debiti,mantenere le promesse elettorali,vincere le elezioni con l'entusiastico apporto dell'opposizione(?),garantire agli italiani un futuro radioso,lasciarli in mutande,spesso strappate e riformare il Paese.
Nel senso di "naja" : il paese è riformato,è esonerato dai problemi e dalle prese di coscienza,dalle occupazioni e dalle preoccupazioni,dai diritti ma non dai doveri.Il paese è un paese che non c'è,e se c'è non si deve far vedere e far sentire.Ci pensa lui,pensa a tutto lui.
Il paese è superato,è esonerato,è riformato,nel senso di "naja" e non solo.
Il paese,tutto il paese è inutile.
Gli unici utili? Emilio Fede e Walter Veltroni.
Sono cazzi...