IL PAESE DEGLI ANIMALI.

C'è un paese,nell'universo capitalista,abitato da animali e governato da un formichiere.E'bruttaccio,basso,spelacchiato ma telegenico,molto telegenico.
La popolazione è composta quasi esclusivamente da formichine,molte di media grandezza,alcune di specie rossa,poche,quelle che a volte pizzicano, di colore nero.
Tutti gli abitanti in qualche modo,si danno da fare,specialmente le formichine che sudano,lavorano,soffrono ma concorrono al bene comune.Sono sempre di più quelle che non riescono ad accumulare qualcosa per l'invernoe sempre più numerose sono quelle che non riescono neppure a mettere via le razioni necessarie alla loro sopravvivenza.
Il formichiere,scaltro,si è circondato da una torva di iene,sciacalli e cicale canterine,che si ingozzano,ballano,si divertono,non lavorano ed intonano inni in onore dello scaltro.
In questo mondo di animali c'era una compagnia aerea,di bandiera,gestita da cicale e portata avanti da migliaia di formichine.Le cicale a forza di ingozzarsi hanno portato alla rovina la compagnia aerea.Si è arrivati al punto di dover chiedere alle formichine,a tutte,di partecipare al finanziamento dell'ingozzata.Si è dovuto provare a vendere la compagnia ad un galletto d'oltralpe,socio di un'anatra scandinava.Il prezzo di vendita era basso,il prezzo per le formichine che portavano avanti la compagnia era invece alto:1800 formiche in esubero,cioè da licenziare.C'era pure da chiudere un campo usato solo da qualche cicalone del nord accompagnato da amici di comunione di vedute e di liberazione dalle lamentele delle formichine.
Di fronte a questo inevitabile passo,il formichiere capo non c'è stato,è intervenuto,ha convinto il precedente capo cicala ad un nuovo finanziamento e,sostanzialmente d'accordo con le cicale democratiche,quelle sindacali e quelle della nomenklatura manageriale,ha promesso una cordata di cicaloni confindustriali per sbarrare il passo al galletto d'oltralpe e socio dell'anatra scandinava.
Conclusione:dopo due mesi il debito della compagnia è aumentato a dismisura,i soldi per comprare il carburante sono finiti,del campo da chiudere nenche se ne parla,le formichine da esuberare sono diventate 4.000.
Ora si aspetta il parere,a pagamento,della passera advisor e si passerà alla cessione,a prezzi di realizzo,per loro,della compagnia.A chi? Alle cicale importanti,disponibili,amiche,alle cicale ligrestine,tronchettate,gnuttone ed arcorite.Insomma alle peggiori razze di cicale.
Mi chiedo e chiedo a quei milioni di formichine che hanno eletto il formichiere vita natural durante:siete delle coglione,la vostra è la razza delle formiche teste di cazzo? Non avete mai letto Esopo? Guardate solo i notiziari del cicalone emilio,quello esperto nell'arte del gioco d'azzardo ed in quella del leccaculo? Non vi viene in mente che il mestiere del formichiere è quello di mangiarsi le formiche?
Che fate ora? Vi svegliate? Vi pentite? Vi incazzate? Non vi è bastato che i formichini maschi,prima impegnati a difendere il formicaio,ora sono comandati a sparecchiare la tavola delle cicale? Non vi è bastato che un decreto del formichiere consente ai corvi,predatori dei vostri beni e della vostra pace, di continuare ad agire indisturbati? Non vi è bastato che il formichiere scaltro possa aver commesso crimini su crimini e che per suo decreto nessuno lo possa giudicare? Non avete le palle sfracassate dai corvi calcistico-caseari,da quelli dei quartierini,dalle iene fazio-se e ridenti,dagli sciacalli bancario-assicurativi e dai loro servitori sindacal-goderecci? Ma che cazzo di animali siete,che lavorate,sudate,soffrite,non più per voi e le vostre famiglie,ma solo per i corvi,le cicalone,le iene e gli sciacalli? Come pensate di finire se non vi è mai venuto in mente che i formichieri si nutrono solo ed esclusivamente di formiche? Non volete almeno cercare di ritardare la vostra fine certa,invischiate e catturate dalla chilometrica lingua del formichiere scaltro,cercandovi un altro modo di vivere(per sopravvivere),un altro mondo ed un altro capo? E che cazzo!
Guardatevi intorno,qualche animale libero ancora c'è: un grillo parlante genovese,un orso bruno molisano,un elegante antilope maschio originario del Piemonte,un falchetto "magistralis",una cerbiatta "forleina" e,sopratutto, qualche antica 'locusta nera' locale, testarda,antagonista ed incazzata.Sono pochi,questi altri animali,ma sono liberi e non vogliono rinunciare alla loro libertà.
Sveglia,formichine,sveglia! Se non reagite,lo sapete,al peggio non c'è mai fine.
Siete animaletti piccoli,operosi,onesti e costumati ma avete anche voi un culetto.
Salvatelo,impedite al cetriolo dello scaltro di farvi un'ultima infamante e definitiva violenza,anche voi,formiche padane.Stringete 'i ciapp',prendete tutte insieme un bastone nodoso e spaccatelo sul muso dello scaltro.I corvi,le cicale,le iene e gli sciacalli fuggiranno inorriditi e terrorizzati.Non aspettate il Padreterno,le razze infami sono immortali!!