CHIAIANO,PIANURA,MARANO...

In qualche mio precedente post vi ho detto che conosco molto bene quelle zone della Campania che,in questi giorni,sono nel mirino del Governo e nelle preoccupazioni dell'Europa.La mia piccola azienda ha molti clienti nel napoletano,contattati dai nostri rappresentanti napoletani.I rappresentanti della mia piccola azienda sono delle persone assolutamente per bene.I clienti della mia piccola azienda sono dei commercianti assolutamente per bene.In tanti anni di rapporto commerciale con la Campania,la mia piccola azienda non ha perso un euro,confermo:un euro non è stato perso.
La mia azienda è piccola ma si è grandemente,enormemente incazzata.
Uno dei nostri clienti si trova a Pianura,un altro ha il magazzino a Marano,un terzo a Terzigno,e così via.
Vado a trovarli una settimana al mese,loro ed altri.
Da settembre 2006,ho "vissuto" in prima persona la situazione della mondezza,l'emergenza della mondezza,la precarietà del modo di vivere dei miei clienti,dei loro dipendenti,della gente campana.
Da settembre 2006,la situazione è peggiorata,la mondezza è aumentata,la gente si è sempre più esasperata.La politica si è disinteressata(?),la camorra si è rinforzata,L'Impregilo si è consolidata.
Fino ad oggi la casta politica,industriale e confindustriale e quella giornalistica,fingevano un atteggiamento ispirato al fatalismo,al carattere delle popolazioni,alla finta "pietas".
Oggi,all'inizio del sesto anno(spezzettato)dell'era berlusconiana,il quadro è cambiato.Il regime risolve il problema: emana un decretone.Non discarica i veri responsabili,non combatte la camorra,non straccia l'Impregilo.Riapre vecchie cave piene,ripiene e stracolme,riapre siti saturi e malsani,ne individua degli altri,progetta quattro inceneritori.Se ne frega dei cittadini.Deroga una quarantina di norme a tutela della salute e dell'ambiente,militarizza vaste estensioni di territorio,precetta i lavoratori,ipotizza,già,aumenti delle Tarsu locali,crea un tribunale speciale,con giurisdizione anche in materia di diritti costituzionali.Spero vivamente di aver capito male,il decretone.Se così non fosse,il paragone sarebbe facilissimo,con una sola differenza:il tribunale speciale istituito dal "vero" Duce era per la sicurezza dello Stato,questo è per la sicurezza dei Bassolini,Jervolini,Impregili,casalesi e mondezzari,pubblici e/o privati.
Dio ci preservi da un accumulo di mondezza a casa nostra.
Quello che stà accadendo in questi giorni a Napoli e d'intorni,è,per me,inaccettabile.
Ho visto i filmati degli scontri(?),delle cariche della polizia contro i cittadini che presidiavano i loro quartieri.
Ho parlato con i miei rappresentanti e con alcuni dei miei clienti.
Ho letto,senza comprarli,i giornali,quelli filo governativi e quelli filo ombra-governativi.Ho letto l'articolo di fondo di Vittorio Feltri,scritto sul suo Libero a quindicimila euro al mese,o giù di lì.Ho sentito tutte le dichiarazioni di "tolleranza zero",della necessità del "pugno duro".Tutti i nostri reggitori,dalla Marcegaglia all'ultimo dei confindustriali,dalle più alte cariche all'ultimo Bocchino Italo,tutti per la "tutela e la difesa della legalità".Ma quale? avrebbe detto il napoletanissimo Totò.
Ho letto il comunicato stampa del'Coordinamento Regionale Rifiuti della Campania'.Mi sono collegato al meet-up degli amici di Beppe Grillo di Chiaiano ed ho letto i loro resoconti,quelli non riportati dalla stampa o dalle TV,ho letto le loro richieste,le loro proposte.
Tutti i napoletani,il popolo napoletano,gli attori della napoletanità,vogliono una sola,sacrosanta cosa:vogliono vivere come tutti,vogliono vivere in una terra normale,senza mozzarelle alla diossina,senza falde inquinate,senza pecore morte al pascolo.Non vogliono più vivere con una incidenza tumorale oltre la media nazionale.Non vogliono essere condannati,neppure per decreto,a vivere in una fogna.Vorrebbero solo una seria politica di "rifiuti zero" ed una immediata raccolta differenziata.Lo hanno chiesto al Vescovo,al Presidente Napolitano,a Berlusconi,di cui si sono fidati,lo hanno chiesto persino a San Gennaro!
Meritano una risposta positiva.
In questo immane casino,infernale e disumano, voluto da uomini ed imposto ad altri uomini,ho visto Napolitano,"o'ppresidente",in tribuna allo stadio Olimpico,a guardare la partita: Napolitano "Padre della Patria",napoletani figli di puttana?